musei ed arte

 

Nancy: Musèe des Beaux Arts, Musèe Lorrain, Musèe de l'Ecole

fra Caravaggio, Delacroix, La Tour e tanti altri


facciata del museo delle belle arti, foto per cortesia tourisme-lorraine.fr


Nancy in Lorena (dipartimento Meurthe et Moselle) è famosa per la grande Place Stanislas dove uno degli storici palazzi del quadrilatero è  destinato al ricco Musèe des Beaux Arts.
La piazza, capolavoro del settecento, fu realizzata intorno al 1755 da Emmanuel Hèré per volontà di Stanislao Leszczynski (duca di Lorena e già re di Polonia). Molte parti del quadrilatero sono poi abbellite da notevoli cancellate, in diversi casi attribuibili a Jean Lamour. Il rilievo artistico della piazza e dei luoghi attigui nel 1983 ha indotto l'Unesco ad inserire il contesto di Nancy nella speciale lista dei beni protetti.


altro edificio di place Slanislas-foto © Arnoldvandok-dreamstime
altra foto: una fontana della piazza



scalinata principale del museo, foto per cortesia tourisme-lorraine.fr


Il museo delle belle arti di Nancy fu costituito nel 1793 ma la sua sistemazione in uno dei palazzi di piazza Stanislao è successiva. Le esposizioni sono articolate in diverse sale (incluso un ambiente sotterraneo che ospita anche la collezione dei vetrai Daum). Fra le opere di artisti italiani vanno segnalate: "la Vergine con il Bambino e S.Giovanni" del Perugino, l' Annunciazione del Caravaggio, una " Deposizione " del Tintoretto, il ritratto di "Germaine Survage " di Modigliani e via discorrendo. Sono ovviamente molto ben rappresentati i pittori francesi: Manet, Monet, de Crayer, Bonnard, Delacroix, Vouet, Poussin, Boucher ecc.. Non mancano opere di artisti spagnoli e fiamminghi. Infine il museo possiede xilografie, ceramiche ed altri oggetti di arte giapponese (collezione Cartier-Bresson) ed anche una raccolta di arte contemporanea.

 


dipinto di Jacob Jordaens-foto da wikipedia

 


Caravaggio, l'Annunciazione -foto da wikipedia
il quadro, a quanto pare, fu dipinto durante il soggiorno a Malta
dell'artista. E probabilmente gli fu commissionato da taluno degli
esponenti della dinastia di Lorena che ebbe a frequentare l'isola
nello stesso periodo (1608-1609)


Perugino, Vergine con Bambino e S.Giovanni (wiki)



°°°


facciata del museo storico Lorrain

Nella parte vecchia della città, negli antichi ambienti del palazzo ducale e del convento dei Cordeliers, dal 1850 circa è sistemato un altro importante luogo di esposizione: le Mousée Lorrain.


In quest'ultimo museo, a parte altre sezioni di rilievo storico (inclusi alcuni reperti del periodo merovingio), è ospitata un'importante collezione di dipinti fra le quali una celebre tela di Georges de La Tour. Ed è notevole anche una raccolta di opere grafiche di Jacques Callot.


dipinto di Georges de La Tour-foto da wikipedia


MUSEO DELLA SCUOLA DI NANCY : abbiamo sopra accennato ai vetrai Daum ed alle collezioni che sono esposte al Museo delle Belle Arti. Tale ditta vetraia era spesso in collegamento con la scuola di Nancy molto attiva all'epoca dell'Art Noveau e che ebbe fra i fondatori Émile Gallé. Fra gli artisti che si appoggiarono alle vetrerie Daum vanno citati Jacques Gruber, Henri Bergé, Almaric Walter, i fratelli Schneider ed altri. Esiste anche un piccolo museo della scuola di Nancy (dedicato ad opere realizzate con diversi materiali) che cura anche programmi di mostre.


la scuola di Nancy programmi 2015

Fra gli oggetti posseduti da tale ultimo museo sono numerosi vetri e ceramiche, ma non mancano mobili ed altre realizzazioni. Una delle occasioni più importanti dell'Ecole di Nancy e della sua interpretazione dell'Art Nouveau fu l'expo di Nancy del 1909. Data la situazione politica di Nancy (parte della regione circostante era amministrata dalla Germania)  l'impegno per il nuovo stile era opportuno per diversi motivi. Oltre ad Emile Gallè, contribuirono  anche Louis Majorelle, Victor Prouvè, Eugene Vallin ed altri.


Nancy 1909

 

 

HOME